Conegliano - Meeting Giovanissimi 2020

Vai ai contenuti

Menu principale:

.






























CONEGLIANO

Famosa per aver dato i natali al celebre pittore Giambattista Cima, di cui si può tutt’oggi ammirare nel Duomo una splendida pala raffigurante la “Sacra Conversazione”, Conegliano sorge in una posizione privilegiata a ridosso delle Prealpi Trevigiane. Il centro storico, l’antica Contrada Granda, edificato prevalentemente lungo via XX Settembre e Piazza Cima, ospita numerosi palazzi rinascimentali con decorazioni in pietra scolpita e affrescati, tra cui il Duomo, sulla facciata del quale possiamo osservare un grande affresco del Pozzoserrato, considerato tra gli affreschi murali uno dei più importanti del Veneto. Sul colle, a ridosso di Piazza Cima, sorge il Castello, al quale si accede attraverso suggestivi percorsi a piedi, costeggiando le antiche mura carraresi. Il Castello, simbolo di Conegliano, gode di una posizione panoramica, dalla quale si ammira la vista dell'ampio scenario pedemontano e collinare.
 
 

.
































Con i suoi trentaseimila abitanti circa, Conegliano è oggi il secondo centro abitato della provincia, dopo il capoluogo Treviso. Favorita dalla posizione baricentrica tra Venezia, Udine e Cortina, la città ha sviluppato nel tempo il settore industriale, il settore terziario e il settore agricolo, diventando insieme a Valdobbiadene il riferimento del distretto del Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene Docg, candidato a patrimonio Unesco.

.




























Il grande sviluppo del settore vitivinicolo, è dovuto anche alla presenza a Conegliano della Scuola Enologica, la più antica d’Italia e d’Europa (fondata nel 1876 da G.B. Cerletti). Da qui parte il primo itinerario enologico italiano, la “Strada del Prosecco e Vini dei Colli Conegliano Valdobbiadene” (1966), alla quale si è aggiunta la più recente "Strada dei Vini del Piave".
La posizione strategica grazie alla vicinanza delle principali vie di collegamento, di due efficienti aeroporti (Treviso e Venezia) e la dotazione di strutture alberghiere hanno consentito una facilità nell’afflusso di un turismo legato all’enogastronomia, al wellness e alla natura, all’arte e ai beni culturali.
Informazioni turistiche c/o Ufficio IAT 0438.21230


.



























Torna ai contenuti | Torna al menu